Al momento stai visualizzando Bergamo: Presidio del Servizio Tutela Minori Stranieri non Accompagnati

Bergamo: Presidio del Servizio Tutela Minori Stranieri non Accompagnati

  • Tempo di lettura:6 minuti di lettura
  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Politica
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

PRESIDIO DEL SERVIZIO TUTELA MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

ACCORDO TRA COMUNE E PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE MINORENNI DI BRESCIA

Il fenomeno dell’immigrazione è una delle sfide più importanti che investono le istituzioni anche a livello locale. Com’è noto, l’emergenza riguarda in particolare l’accoglienza dei MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati), un tema che, per le caratteristiche dei ragazzi con biografie tormentate, richiede modalità di accoglienza coerenti con l’interesse prioritario di tutela e inserimento nel nuovo contesto di vita.

L’afflusso straordinario di MSNA, rilevato a partire dal secondo semestre 2022, si è configurato come una vera e propria emergenza sociale, confermata anche nel 2023: nel corso di quest’anno infatti il Comune di Bergamo ne ha accolti e gestiti 474, 30% in più rispetto allo stesso periodo del 2022 in cui erano 358.

Una presenza così numerosa di MNSA ha determinato, in primo luogo, un significativo incremento di comunicazioni alla Procura relative a nuovi rintracci sul territorio cittadino e conseguenti collocamenti in comunità di pronto intervento, allontanamenti volontari dalle comunità educative e trasferimenti in comunità educative di seconda accoglienza. E, in secondo luogo, la necessità di una risposta giudiziaria in grado di ridurre la situazione di pregiudizio delle persone di minore età, regolarizzare in tempi congrui la posizione giuridica del MSNA ed avviare, prima possibile, il percorso di inclusione sociale nel contesto sociale di appartenenza.

A questo quadro complessivo appartiene l’accordo, della durata di due anni, tra il Comune di Bergamo e la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia, finalizzato all’attuazione di un “Presidio del Servizio Tutela MSNA”, nell’ambito della Procura bresciana, con l’obiettivo principale di facilitare le relazioni tra Magistratura Minorile e Servizi Sociali, nel prioritario interesse delle persone di minore età coinvolte in procedimenti di protezione giuridica.

Pubblicità

clicca qui

Il “Presidio Tutela MSNA” si occuperà dei fascicoli relativi ai MNSA di competenza del Comune di Bergamo e svolgerà, attraverso un costante raccordo tecnico ed organizzativo tra gli uffici, le seguenti attività:

–        facilitare la presa in carico delle singole situazioni da parte del Servizio Minori e Famiglie con la maggior disponibilità di informazioni ad esse relative

–        verificare le situazioni di MSNA per le quali è aperto un procedimento in Procura al fine di proporre il ricorso al Tribunale per i Minorenni per l’apertura della tutela

–        disporre la trasmissione degli atti al Tribunale per i Minorenni competente in caso di trasferimento in altro luogo

Pubblicità

Produzione video

 “Il Servizio Minori e Famiglie del Comune di Bergamo, si occupa degli interventi rivolti ai minori ed alle famiglie, sia di tipo preventivo sia di tipo riparativo, ricomponendo gli stessi in un sistema di welfare integrato (sanitario, sociale, socio-sanitario, ecc.).

In particolare, il Servizio assicura l’immediata presa in carico dei MSNA, garantendo l’approfondimento della storia personale e migratoria dei minori, oltre che la ricerca di una comunità educativa idonea a rispondere ai loro bisogni.

Pubblicità

Una serie di azioni, tra le quali colloqui di conoscenza della vita del minore, condivisione del progetto personalizzato con lo staff educativo della comunità, stesura della relazione sociale per l’ottenimento del permesso di soggiorno ed accompagnamento, reperimento di figure parentali o di conoscenti capaci di provvedere all’accudimento e tutela del minore, che implicano un dialogo costante con gli uffici della Procura.

L’accordo quindi risulta fondamentale per rendere questi necessari passaggi condivisi e celeri il più possibile nell’interesse del minore che, sradicato dalla sua realtà e privo di figure parentali di riferimento, vive una condizione di particolare fragilità e vulnerabilità.” Marcella Messina, Assessora alle Politiche sociali

I minori stranieri non accompagnati che giungono da noi vivono una grande vulnerabilità e molte fragilità: il distacco dai familiari e dal contesto di vita, le esperienze altamente traumatiche subite durante il viaggio, le difficoltà di inserimento nel nuovo contesto di vita, l’assenza di validi riferimenti adulti, la paura del futuro, il rischio di essere risucchiati nell’illegalità. Assicurare loro l’effettiva protezione e sostegno che la legge nazionale e le convenzioni internazionali impongono non è solo un dovere delle istituzioni, ma è anche una sfida rivolta a mantenere umano, solidale e insieme sicuro il nostro contesto sociale, ed un investimento sulle risorse personali e umane di questi ragazzi, preziose per l’intera collettività che li accoglie e che in futuro ne potrà beneficiare.

L’accordo costituisce uno strumento agile e diretto di collaborazione fra Procura e Servizi sociali, che renderà più celere ed efficace l’azione di entrambe le istituzioni, consentendo così di ridurre l’esposizione a rischio di questi minorenni, regolarizzarne più rapidamente la posizione giuridica ed avviare più rapidamente il loro percorso di integrazione sociale.”  Giuliana Tondina, Procuratore per i minorenni di Brescia

Loading

Lascia un commento